”ASINI” di DANIELE PISTONE – Il Primo Singolo – Arte Poliedrica e Musica Introspettiva

Daniele Pistone, artista emergente, erge una mano dal terriccio fangoso della musica indipendente. Musicista poliedrico, plasmato dalla strada, trova in quest’ultima l’ispirazione per la sua musica: ”è fuori, nella strada, che esterniamo l’ego creato minuziosamente dentro di noi”. Autore di testi e musiche, Daniele Pistone, esplora i punti di forza e debolezza propri e altrui, alla ricerca di stimoli e delusioni, eccessi e perplessità, accantonando le pretese di una sola risposta, per aprire le braccia alla curiosità di chi non smetterà mai di cercare, cosi nella vita, come nella musica.

Il primo singolo dell’artista ”Asini’‘ è un viaggio introspettivo nella società in cui viviamo oggi, fatto attraverso un linguaggio diretto e pulito. Una denuncia schietta e pura ed un invito a distruggere ”quelle” maschere costruite per coprire le nostre vere identità, a supporto di ambizioni molto spesso banali e poco costruttive, ambizioni che alimentano comportamenti che ci allontanano da noi stessi e ci fanno perdere di vista la curiosità di scoprire ed esplorare le nostre reali abilità e scopi di vita.

Daniele Pistone, is an emerging independent artist. Multifaceted musician, he finds inspiration for his music in everyday life: “it is outside, in the streets, that we externalize the ego created meticulously within us”. Author and writer of his own music, Daniele Pistone, explores his own and others’ strengths and weaknesses, in search of stimuli and disappointments, excesses and perplexities, setting aside the need of a single answer, to open his arms to the curiosity of those who will never stop to seek for meaning, in life as well as in music.

The artist’s first single ”Asini” (donkeys) is an introspective journey into the society we live in today, done through a direct and clean language. A pure denunciation and an invitation to destroy all ”those” masks that we have built to cover our true identities, in support of ambitions that are often trivial and not constructive at all, ambitions that distance us from ourselves, taking away from us the curiosity to discover and explore our real life skills and missions.

LYRICS

Io ti parlo onestamente, questa voglia che hai di fare non ti porterà mai a niente, lascia stare
non cercare di arrivare dove non potrai mai dire ciò che pensi e ciò che vuoi…e ciò che vuoi tu non lo pensi
è solo un impressione, suggestione di una società troppo presa a fare i conti con la vanità
e che non sà, ma pretende d’insegnare e d’indicare quella che sarà per te la strada da seguire
cosi che anche tu potrai sbagliare e poi soffrire della stessa slealtà vendendo i tuoi errori come l’unica opportunità per campare, invecchiare, e poi morire.
Rit.
Solo, non puoi spiccare il volo, ma sono gli asini che volano,
gli uomini camminano e pensano,
e se lo fanno male, amico mio non c’è morale il mondo va a rotoli

Ma scegli un Dio, religione, un lavoro, vocazione, o una nuova professione che possa qualificare le persone ad una vita regolare, non banale, e bada bene che tu sia speciale.
Perché ciò che conta è la tua convinzione in ciò che sei, ciò che hai, dove andrai e come apparirai. E se apparentemente sei un coglione…non ti preoccupare, la proclamazione dell’umiliazione oggi è naturale, sai, e non è cosi male dai alimentare una generazione d’ignoranti, strafottenti, incapaci, pronti a giudicare.
E dentro la televisione possono rappresentare gruppi di persone pronte ad esclamare ed applaudire, e se qualcuno ha da ridire, bene! Oggi proponiamo anche il disprezzo ,ribrezzo, e l’odio a chi ne è avvezzo.
Per educare i giovani e prepararli ad un futuro migliore, si Signore questo non è l’anno domini, gli uomini in evoluzione.
Rit.

Forse esagero, ma non vaneggio, la mia preoccupazione, è quanto tutto possa andare peggio
E peggio di cosi, si può andare si, ma non vedo la necessità morale di retrocedere, dunque procedere con l’ispezione anale di razzisti, terroristi, fascisti, e pure maschilisti.
Per accertare che la materia grigia non sia scivolata fino in fondo alla colonna vertebrale.
Perché il pensiero libero è lecito, ma l’ignoranza esplicita è becera, da condannare senza tribunale.
E non esagero. Redimimi se dico che non posso più dividere il mio ceto sociale con determinati crimini: mediatici, clinici. Lunatici che non sanno cosa voglia dire: “ non dover odiare”. Semplicemente la gente può sopravvivere anche senza gran rotture di coglioni. È facile, più facile che tentare di spiccare il volo.

Released January 26, 2021
All the instrument were played and recorded by Daniele Pistone in his room.
Co-producer: Vincenzo Giacalone
Mastering: Pedro Ferreira
Special thanks: Foggy

Se anche tu vuoi condividere una bella notizia con noi
visita la nostra pagina Facebook e scrivici:
Il Giornale delle Belle Notizie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...